C’è un’opera di Banksy che si potrà comprare all’asta, anche in bitcoin

I celebri graffiti di Banksy

Per la prima volta nella storia una casa d’aste accetterà un pagamento in criptovaluta per un’opera d’arte fisica: lo annuncia Sotheby’s, che il 12 maggio consegnerà al miglior offerente una delle opere più famose di Banksy, Love is in the air. Spray e olio su tela, 90 per 90 centimetri, l’icona raffigura un ribelle nell’atto di lanciare un mazzo di fiori variopinto al posto di una molotov. Valutata 3-5 milioni di dollari, firmata e datata 6 maggio 2005, l’opera è nota anche con il nome di “Flower thrower”. L’asta verrà condotta in dollari ma l’acquirente finale potrà completare la transazione in bitcoin o ether, in virtù di una collaborazione fra Sotheby’s e Coinbase. Non sarà consentito l’utilizzo di wallet autogestiti, ma solo ospitati su Coinbase, Coinbase Custody trust, Fidelity digital, Gemini trust e Paxos Trust.

Considerato il rivoluzionario per eccellenza nel mondo dell’arte, “Sotheby’s onora l’eredità di Banksy affiancando questo dipinto firmato con una soluzione di pagamento innovativa e prima nel suo genere per aprire la vendita a una nuova generazione di collezionisti, abituati all’evoluzione digitale così come lo sono all’arte attivista di Banksy”, spiega una nota. Un modo per avvicinare e ampliare una nuova fetta di mercato, che la casa d’aste fondata nel 1774 ha già intuito dopo aver effettuato il primo incanto basato su Nft lo scorso 12-14 aprile. Dopo aver richiamato l’attenzione di 3mila partecipanti, la collezione di opere digitali di Pak The Fungible, è stata battuta per un totale di 16,8 milioni di dollari.

Il maggior precedente nel settore della crypto art è stato tuttavia l’asta di The first 5.000 days, opera digitale di Beeple battuta a marzo da Christie’s per 69 milioni di dollari, con l’esecuzione di uno smart contract con un non fungible token. Mike Winkelmann è diventato così il terzo artista vivente per prezzo di vendita, ma in questo caso Sotheby’s compie un passo in avanti, ammettendo il pagamento in criptovalute per un’opera fisica: “Il rivoluzionario dell’arte incontra i rivoluzionari della finanza”, dichiarano da New York. Il “lanciatore di fiori” è stato raffigurato con stencil e grafffiti per la prima volta nel 2003 a Betlemme, sul muro che divide Israele e Palestina. L’opera che verrà battuta proviene da una collezione privata.

Nel frattempo, il mercato delle cripto si mantiene effervescente: l’ether ha raggiunto il record storico di 3.530 dollari (+352,19% da inizio anno), e lo stesso ha fatto il dogecoin, sfiorando i 70 centesimi di dollaro (+13.611% da inizio anno). L’ether è la principale criptovaluta che corre sulla catena blockchain Ethereum, tecnologia sempre più al centro di applicazioni in finanza decentralizzata, così come degli nft. Bitcoin staziona intorno ai 55mila dollari.

The post C’è un’opera di Banksy che si potrà comprare all’asta, anche in bitcoin appeared first on Wired.