Le prospettive eCommerce 2022 della Cina: nuovi trend e consigli per i retailer italiani

Il mercato cinese evolve continuamente e porta in primo piano live-streaming, storytelling e social commerce. Le opportunità per il Made in Italy restano enormi: fondamentale usare modalità di contatto che il pubblico riconosca e che rispettino la cultura cinese, secondo Gloria Sgrò, Digital Marketing & Operations Manager di Digital Retex

In un Paese come la Cina, in cui il 52% dei retailer è presente anche online, saper sfruttare l’eCommerce significa poter raggiungere una classe media sempre più numerosa e con una forte propensione d’acquisto verso i prodotti di qualità. Ci sono però alcune sfide da conoscere in questo 2022 e nuovi trend da tenere in considerazione per i brand che vogliono espandersi nel mercato con il più alto potenziale nel mondo.

«Il Covid in Cina ha portato i consumatori a spendere meno: con quale conseguenza? Oggi ci sono risparmi accumulati da investire in prodotti di fascia alta. Nel frattempo, la classe media ha continuato ad ampliarsi ed è proseguito il trend di urbanizzazione», afferma Gloria Sgrò, Digital Marketing & Operations Manager di Digital Retex, società che affianca le piccole e medie imprese italiane nel loro percorso di innovazione digitale e nella vendita omnichannel con una specializzazione sulla Cina.

«Per tutte le aziende che vogliono vendere in Cina il target potenziale è ancora più vasto rispetto al 2020-21, con ottime prospettive soprattutto per le imprese del lusso e per tutte quelle che propongono prodotti di qualità del Made in Italy».

Al tempo stesso la pandemia ha lasciato un’onda lunga sia sul piano economico che sociale: al consumismo del ceto abbiente Pechino vuole affiancare il valore del “benessere condiviso”. Inoltre, le evoluzioni tecnologiche sono estremamente rapide e l’eCommerce continua a integrare canali e modalità uniche del mercato cinese.

Fonte: https://www.digital4.biz/marketing/ecommerce/ecommerce-2022-in-cina-nuovi-trend-e-consigli-per-i-retailer-italiani/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *